I formaggi da mettere sulla propria tavola

Il mondo dei formaggi è davvero variegato e per quanto si possano avere preferenze, non possiamo negare che è davvero difficile non amarli tutti per i loro profumi, per le loro consistenze e per la loro capacità di rendere qualunque piatto o abbinamento perfetto al palato. Ma le differenze tra le varie tipologie ci sono e nonostante siano tutti buonissime, si possono sicuramente avere delle preferenze. Ma quali sono le loro principali differenze? Vediamole insieme così da poter scegliere ancora meglio i formaggi da mettere sulla nostra tavola.

Un Tris Perfetto di sapori differenti

Per gli amanti dei formaggi, è bene fare subito una distinzione tra i formaggi di bufala, di capra e di pecora, partendo dal presupposto che non ce n’è uno migliore, si differenziano principalmente per la composizione e per il sapore più o meno forte e deciso. I formaggi di bufala derivano ovviamente dalla lavorazione del latte di bufala, che si presenta al gusto più dolce e delicato e dal colore bianco opaco; possiede una grande percentuale di sostanza secca, ovvero grassi, proteine e tutto ciò che non è acqua, conferendogli una resa casearia maggiore dell’80%. Il latte di bufala inoltre è pieno di calcio e possiede una ricca natura microbiologica con un alto contenuto di lattobacilli che influiscono sul sapore e l’aroma di questi tipici formaggi. Il latte di capra, per la sua composizione chimica è, insieme a quello d’asina, il più simile al latte materno, anche se nel tempo è stato “soppiantato” dal latte vaccino. I formaggi caprini, di cui non possiamo non citare il famoso Caprino, sono sicuramente più magri e digeribili rispetto ad altri formaggi; non a caso sono i prediletti dalle persone intolleranti alle proteine del latte, tuttavia le persone allergiche al lattosio devono escludere per sicurezza anche i formaggi di capra. Il latte di capra contiene inoltre più ferro (il doppio rispetto al latte di vacca), calcio, minerale che aiuta a raggiungere prima la sazietà, e fosforo. Inoltre il latte di capra è molto più digeribile e magro perché le sue proteine e i grassi hanno una struttura molecolare meglio assimilabile.  Il colore del caprino dipende dalla varietà, ma generalmente è sul giallo paglierino; il suo sapore invece è molto particolare, ha infatti un retrogusto acidulo e l’odore è piuttosto persistente, simile a quello dello yogurt. I formaggi di pecora, ricchi di calcio, sono formaggi stagionati a pasta dura e semidura con una percentuale di grassi consistente e caratterizzati da una stagionatura medio lunga in base alla tipologia e alla zona di produzione. La differenza sostanziale quindi dei formaggi duri, come il pecorino, rispetto a quelli molli è la consistenza della pasta, dovuta al fatto che contengono una ridotta quantità di acqua, in genere tra il 36% e il 45%. Il formaggio di pecora detiene una percentuale di grassi elevata tanto da essere considerato un formaggio calorico, anche se le calorie cambiano notevolmente in base alla consistenza della pasta, come ad esempio nel caso del formaggio di pecora fresco che ne contiene molte meno. Per il sapore invece ne troviamo di differenti sfumature dovute alla tipologia di produzione e territorio, ma la nota comune è un sapore deciso e sapido, a volte pungente, ma sicuramente inconfondibile.

Il meglio dei formaggi presso La Bufalina DOP

Nel nostro negozio a Bitonto in provincia di Bari, potrete scoprire le infinite varietà di formaggi tipici della tradizione Campana, selezionati con cura e attenzione per offrire solo il meglio alla nostra clientela. Veniteci a trovare in Via Ludovico d’Angiò 30 a Bitonto per vedere con i vostri occhi e assaggiare i nostri prodotti, il nostro staff sarà felice di spiegarvi e illustrarvi varie tipologie di formaggi e aiutarvi nella scelta di quelli più adatti al vostro palato. Per maggiori informazioni chiamateci al numero 080.5275776 o inviateci un email all’indirizzo info@labufalinadop.it